Plafond Casa: arrivano mutui agevolati

Pubblicato il giorno 12/02/2014

Ha trovato l’adesione di 20 banche l’iniziativa Plafond Casa promossa tramite l’attivazione del decreto legge n. 102/2013 convertito dalla legge n. 24/2013.

L’attivazione del Plafond Casa mette a disposizione delle banche aderenti 150 milioni di Euro per la concessione di mutui a tasso agevolato per l’acquisto di immobili ad uso abitativo e interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica.

Il Plafond Casa è accessibile a tutti i cittadini, ma una particolare attenzione sarà data ai cosi detti “beneficiari prioritari”, in cui rientrano giovani coppie, famiglie numerose e nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile, i quali intendano acquistare una nuova casa che appartenga in via preferenziale a una delle classi energetiche A, B, C, D o a ristrutturare l’abitazione aumentando l’efficienza energetica.

Occorre inoltre sottolineare che l’utilizzazione del Plafond Casa non limita la possibilità di utilizzare anche gli incentivi fiscali previsti con le detrazioni attualmente in vigore.

I mutui, a seconda del tipo di intervento di finanziamento richiesto, potranno avere una durata di 10, 20, 30 anni ed arrivare a coprire un massimo di:

  • 100 mila euro per gli interventi ristrutturazione con miglioramento dell’efficienza energetica;
  • 250 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale senza interventi di ristrutturazione;
  • 350 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale con interventi di ristrutturazione con miglioramento dell’efficienza energetica sulla stessa abitazione.

Le 20 banche aderenti sono:

  • Banca Agricola Popolare di Ragusa;
  • Banca Carige;
  • Banca Monte dei Paschi di Siena;
  • Banca Popolare dell’Emilia Romagna;
  • Banca Popolare di Sondrio;
  • Banca Popolare di Vicenza;
  • Banca Sella
  • Banco di Credito P. Azzoaglio;
  • Banco di Credito Popolare;
  • Banco Popolare;
  • Binter- Banca Interregionale;
  • Bnl-Bnp Paribas;
  • Cariparma – Credit Agricole;
  • Cassa di Risparmio di Ravenna;
  • Credito Valtellinese;
  • Extrabanca;
  • IntesaSanpaolo;
  • Iccrea Banca;
  • Ubibanca;
  • Unicredit.



Ultime news
2  MAR

L’agenzia di rating Fitch prevede una resistenza del sistema bancario italiano, che agevolato dalla concorrenza e dal Quantitative Easing, aumenterà nella concessione di mutui.

27  FEB

Il rent to buy è un particolare tipo di contratto di acquisto che permette di riscattare un immobile dopo un periodo di locazione. Si tratta di una novità introdotta nel 2014 dal Decreto Sblocca Italia (articolo 23), con lo scopo di venire incontro ai cittadini per richiedere un mutuo più basso.

26  FEB

Fino al 2016 previsto un riassestamento nei prezzi degli immobili, con un aumento del volume delle compravendite. Favorito il mercato della prima casa, specie nelle grandi città.

23  FEB

Tipologia di finanziamento pattuito sulla base del valore dell’immobile. Agevolazioni e nuove procedure al vaglio delle camere

20  FEB

Accendere un mutuo senza anticipare nulla, cercando anzi di coprire anche le spese? Una necessità per chi non ha un capitale iniziale da anticipare, in particolare giovani e cittadini extra-UE. Sono inclusi costi più elevati in termini di interessi, durata e sosti accessori.

18  FEB

Sulla base della Legge n. 130 del 30 aprile 1999 la banca ha la facoltà di cedere a terzi i contratti di mutuo, tramite un’operazione detta cartolarizzazione. Ma l’operazione di surroga è sempre possibile.

13  FEB

Diffusi i dati definitivi di Abi sui mutui concessi alle famiglie italiane nell’anno appena concluso. Rispetto ai primi undici mesi del 2013 l’incremento su base annua dei mutui erogati è del 32,5%, per un totale di 25,2 miliardi di euro.

12  FEB

I tempi sono difficili, soprattutto per i giovani sotto i 30 anni, che hanno più difficoltà a trovare un lavoro a tempo indeterminato. Tuttavia, non è detto che i lavoratori atipici debbano rinunciare al sogno di una casa. Lo Stato e spesso le stesse banche vengono in aiuto con strumenti ad hoc.

9  FEB

I dati di Crif, l’archivio informatico che gestisce i dati dei finanziamenti erogati ad imprese e privati, rivelano che dal dicembre 2013 la domanda di mutui in Italia è cresciuta del 30,6%, con un aumento del 15% solo nell’ultimo anno.

6  FEB

Una valanga di crediti non riscossi grava sulle banche italiane, che sono costrette a ridurre le elargizioni. E’ in arrivo il progetto del Ministero dell’Economia e Bankitalia per la creazione di una società che assorba i crediti in sofferenza.

Avanti 1/20 Avanti
Ottieni il
miglior mutuo
Calcola la rata
Cariparma
BNL
UniCredit S.p.A.
Carispezia
Friuladria
Ubi Banca
Credem 100
Crasti
Approfondimenti
Segui Andrea Negri su Google+