Plafond Casa: arrivano mutui agevolati

Pubblicato il giorno 12/02/2014

Ha trovato l’adesione di 20 banche l’iniziativa Plafond Casa promossa tramite l’attivazione del decreto legge n. 102/2013 convertito dalla legge n. 24/2013.

L’attivazione del Plafond Casa mette a disposizione delle banche aderenti 150 milioni di Euro per la concessione di mutui a tasso agevolato per l’acquisto di immobili ad uso abitativo e interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica.

Il Plafond Casa è accessibile a tutti i cittadini, ma una particolare attenzione sarà data ai cosi detti “beneficiari prioritari”, in cui rientrano giovani coppie, famiglie numerose e nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile, i quali intendano acquistare una nuova casa che appartenga in via preferenziale a una delle classi energetiche A, B, C, D o a ristrutturare l’abitazione aumentando l’efficienza energetica.

Occorre inoltre sottolineare che l’utilizzazione del Plafond Casa non limita la possibilità di utilizzare anche gli incentivi fiscali previsti con le detrazioni attualmente in vigore.

I mutui, a seconda del tipo di intervento di finanziamento richiesto, potranno avere una durata di 10, 20, 30 anni ed arrivare a coprire un massimo di:

  • 100 mila euro per gli interventi ristrutturazione con miglioramento dell’efficienza energetica;
  • 250 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale senza interventi di ristrutturazione;
  • 350 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale con interventi di ristrutturazione con miglioramento dell’efficienza energetica sulla stessa abitazione.

Le 20 banche aderenti sono:

  • Banca Agricola Popolare di Ragusa;
  • Banca Carige;
  • Banca Monte dei Paschi di Siena;
  • Banca Popolare dell’Emilia Romagna;
  • Banca Popolare di Sondrio;
  • Banca Popolare di Vicenza;
  • Banca Sella
  • Banco di Credito P. Azzoaglio;
  • Banco di Credito Popolare;
  • Banco Popolare;
  • Binter- Banca Interregionale;
  • Bnl-Bnp Paribas;
  • Cariparma – Credit Agricole;
  • Cassa di Risparmio di Ravenna;
  • Credito Valtellinese;
  • Extrabanca;
  • IntesaSanpaolo;
  • Iccrea Banca;
  • Ubibanca;
  • Unicredit.



Ultime news
26  GEN

Stipulare il mutuo legandolo ad una valuta estera presenta il vantaggio di usufruire di tassi di interesse più bassi. Ma cosa succede se la valuta in questione aumenta di valore rispetto all’euro? Scoppia ora il caso dei mutui in franchi svizzeri. Proposti da alcune banche in quanto sulla carta molto più convenienti, ora si rivelano più cari di quelli stipulati in euro.

23  GEN

1200 miliardi fino a Settembre 2016: aumenta così la liquidità delle banche che saranno più disponibili alla concessione di mutui. E’ l’effetto del bazooka di Draghi che genera così la riduzione dei tassi.

22  GEN

Il primo Bollettino economico dell’anno della Banca d’Italia, pubblicato il 16 Gennaio 2015, fornisce notizie incoraggianti rispetto al mercato dei mutui in Italia: i dati dell’ultimo trimestre indicano un aumento di +15,7% rispetto allo stesso periodo del 2013.

19  GEN

Il mutuo variabile dipende dal tasso di riferimento Euribor. Chi ha optato per questa soluzione, anche in periodi di forte incertezza, ha sempre finito per risparmiare. Al contrario, a spingere verso la scelta di un mutuo a tasso fisso è spesso la paura di forti oscillazioni. Ma quanto è imprevedibile l’Euribor?

16  GEN

La surroga è uno strumento, introdotto dal Decreto Bersani, che permette di trasferire il proprio mutuo da un istituto bancario ad un altro, senza dover affrontare penali o costi aggiuntivi. Lo scopo è di poter accedere a mutui in cui le condizioni praticate sono più vantaggiose. Ma quando conviene davvero?

14  GEN

Il governo Renzi raccoglie la proposta di BCE di stanziare un fondo di garanzia pubblico di 50 miliardi per aiutare gli Istituti di credito a disfarsi dei crediti in sofferenza, ossia difficili da recuperare, allo scopo di liberare capitali da investire nella crescita economica.

12  GEN

Le banche italiane hanno incrementato il proprio budget per le nuove erogazioni: merito degli spread in discesa e delle surroghe, ma anche del crollo dei margini per la compravendita dei Titoli di Stato, in cui prima gli istituti di credito preferivano investire.

9  GEN

Dureranno fino al 31 Marzo 2015 e rappresentano la soglia oltre la quale scatta il reato. Soglie più basse rispetto all’anno passato.

8  GEN

Da Dicembre il Dipartimento del Tesoro ha già messo a disposizione il modulo per la richiesta di accesso al Fondo di Garanzia per l’Acquisto della Prima Casa ed è pronto ad accogliere le prime domande.

7  GEN

È stata prorogata la moratoria per i prestiti alle piccole-medie imprese. Da definire entro marzo 2015 i dettagli degli interventi, tramite un accordo tra il Ministero dello sviluppo economico, il Ministero delle finanze, l’ABI e le associazioni di consumatori.

Avanti 1/19 Avanti
Ottieni il
miglior mutuo
Calcola la rata
Cariparma
BNL
UniCredit S.p.A.
Carispezia
Friuladria
Ubi Banca
Credem 100
Crasti
Approfondimenti
Segui Andrea Negri su Google+