fondo-consap-come-funziona

Come funziona il Fondo di Garanzia Prima Casa Consap

Il Fondo di Garanzia per i Mutui Prima Casa, gestito da Consap, è stato istituito dal Ministero dell'Economia e delle Finanze nel 2013 diventando effettivamente operativo da gennaio 2015, allo scopo di concedere garanzie sui mutui per acquisto, ristrutturazione e accrescimento dell'efficienza energetica di immobili ad uso abitativo da adibire ad abitazione principale, siti sul suolo nazionale.
La garanzia statale copre fino al 50% della quota capitale erogata con il mutuo e in alcuni casi permette di ottenere mutui fino al 100% del valore dell'immobile - sempre a discrezione dell'istituto erogante. L'operatività del Fondo è stata rinnovata più volte negli ultimi anni, e l'ultima volta è stato rifinanziato con il Decreto Sostegni Bis (DL. 25 maggio 2021, n.73, art. 64). 

La bozza della Legge di Bilancio 2022 contiene, all'art.37, una conferma delle agevolazioni previste dal Decreto, cioè del Bonus prima casa under 36, e dà notizia anche di un prossimo rifinanziamento del Fondo di Garanzia con ulteriori 242 milioni di euro per il 2022.

Il Decreto Sostegni Bis prevedeva, oltre ai vantaggi fiscali, l’estensione del già esistente Fondo di Garanzia Consap dal 50 per cento all’80 per cento in caso di giovani under 36 con ISEE al di sotto dei 40 mila euro.
Le risorse stanziate con il decreto sono state di 290 milioni, sommate ai 137 milioni già in dotazione al Fondo, a cui si aggiungeranno quindi i 242 milioni previsti dalla bozza di legge di Bilancio per rafforzare le misure in essere.

 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO   CALCOLA LA RATA

 

Caratteristiche dei mutui Consap

 

I mutui per i quali è possibile accedere all'intervento del Fondo di Garanzia hanno come finalità quelle previste (acquisto, acquisto con interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica e acquisto con accollo da frazionamento - da costruttore) e importo massimo di 250 mila euro.
Si precisa pertanto che non è possibile la ristrutturazione senza acquisto.

Inoltre, le banche eroganti si impegnano a non chiedere garanzie aggiuntive oltre a quella statale e ad un'assicurazione sul mutuo e all'ipoteca sull'immobile.
La garanzia Consap è prevista anche per mutui per acquisto di immobili alle aste immobiliari.

 

Chi può fare domanda di un mutuo Consap

 

Il Fondo è rivolto a tutti i cittadini che, alla data di presentazione della domanda di mutuo per l’acquisto della prima casa, non siano proprietari di altri immobili a uso abitativo (anche all’estero) salvo il caso in cui il mutuatario abbia acquisito la proprietà per successione causa morte, anche in comunione con altro successore, e che siano ceduti in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

L’ammontare del finanziamento non deve essere superiore a 250.000 euro.

Il fondo prevede una garanzia pubblica del 50% (con controgaranzia dello Stato).

Il requisito dell'impossidenza dichiarato al momento della presentazione della domanda di acceso al Fondo è tassativo ed inderogabile.

Non esistono, quindi, limiti di reddito per fare domanda della garanzia statale sul mutuo.
Tuttavia rispetto alle domande pervenute nella stessa giornata ad alcuni soggetti è attribuita priorità nell'accesso al Fondo.
I soggetti prioritari sono:

  • giovani coppie con almeno un membro under 35;
  • famiglia monogenitoriale con figli minori (il mutuo è richiesto da:persona singola non coniugata, né convivente con l’altro genitore di nessuno dei propri figli minori con sé conviventi OPPURE Persona separata/divorziata ovvero vedova, convivente con almeno un proprio figlio minore)
  • giovani che non abbiano compiuto trentasei anni.
  • conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari, o comunque denominati.

La garanzia concedibile dal fondo è elevata all’80% della quota capitale per tutti coloro che rientrano nelle categorie prioritarie elencate sopra – con ISEE non superiore ai 40 mila euro annui – e che ottengono un mutuo superiore all’80% rispetto al prezzo d’acquisto dell’immobile, comprensivo di oneri accessori.

Per tali categorie è previsto anche un tasso calmierato del finanziamento ovvero “il tasso effettivo globale (TEG) non può essere superiore al tasso effettivo globale medio (TEGM), pubblicato trimestralmente dal Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi della legge 7 marzo 1996, n.108”.

Per coloro che, pur rispettando i requisiti di accesso al Fondo, hanno un ISEE superiore a 40 mila euro annui, la garanzia resta al 50% della quota capitale.

 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO   CALCOLA LA RATA

 

Modulistica e tempi del Fondo di Garanzia Prima Casa

 

Per accedere al Fondo con la garanzia del 50% è necessario presentare, ad una delle banche aderenti, contestualmente alla richiesta di mutuo, il modulo scaricabile dal sito MEF o Consap e comunque disponibile in banca, allegando un documento di identità (ovvero Passaporto unitamente al Permesso di Soggiorno per cittadini stranieri).

Per accedere al Fondo con la garanzia dell’80%, la domanda potrà essere presentata fino al 30 giugno 2022.

Al modulo bisogna allegare la dichiarazione ISEE non superiore a 40.000 euro annui.

La richiesta, dunque, deve essere inoltrata alle banche o agli intermediari finanziari aderenti all’iniziativa e non direttamente a Consap.

È sempre facoltà della banca in base a proprie ed esclusive valutazioni decidere sulla concessione del mutuo e sul ricorso alla garanzia del Fondo.

Una volta inoltrata la domanda tramite l'istituto presso il quale si desidera richiedere il mutuo, servono circa 20 giorni per ottenere la risposta del gestore del fondo e circa altri 90 giorni per l'istruttoria del mutuo e la delibera da parte della banca.

 

Continua a leggere mutuiSi.it per ricevere sempre news e tips sui mutui.

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti leggere anche: ⇒ Bonus prima casa under 36: arriva la proroga

Trova il miglior mutuo e risparmia

Calcola rataServizio online gratuito