0.4
Mutuo fatto! E ora?
0.4
Mutuo fatto! E ora?

Con la sostituzione del mutuo più libertà per il cliente

1 min di lettura
sostituzione mutuo

Chi ha stipulato un mutuo nel periodo che va dal 2009 al 2012, in cui gli interessi e lo spread erano schizzati a livelli allarmanti, potrebbe davvero rimpiangere il fatto di non poter usufruire di questo momento d’oro per i tassi più bassi.

In questi casi infatti viene in aiuto la sostituzione del mutuo, una procedura con cui è possibile estinguere il vecchio ed accendere il miglior mutuo per l’importo residuo.

E’ un’operazione che, contrariamente alla surroga e alla rinegoziazione, ha dei costi a carico del richiedente, ma rispetto alle prime due procedure consente molta più libertà di apportare tutte le modifiche che vogliamo.
 

La sostituzione è indicata nel caso in cui si voglia:
 

modificare i termini del contratto di mutuo, come la durata o l’ammontare della rata, quando non si riesce più a pagarla,

eliminare dal contratto eventuali garanti o reintestare il mutuo ad un altro intestatario

passare da un tipo di tasso ad un altro (es. da fisso a variabile), sfruttando il momento favorevole per i tassi di interesse

chiedere della liquidità ulteriore rispetto al capitale finanziato dal vecchio mutuo per coprire le spese di sostituzione o per altri utilizzi a propria discrezione (solo nel caso in cui il vecchio mutuo non fosse a sua volta un mutuo + liquidità)

 

Ci sono però alcune regole:
 

il vecchio mutuo deve risultare in essere da più di 18 mesi

è possibile richiedere liquidità aggiuntiva fino ad un massimo di 50mila euro, che possono anche essere utilizzati per consolidare un altro debito

è possibile finanziare fino all’80% del valore del vecchio mutuo

la durata del nuovo mutuo deve essere compresa fra 10 e 35 anni

 

Qualche anno fa un’operazione del genere sarebbe stata indicata solo in condizioni di effettiva necessità, in quanto gli oneri a carico del mutuatario sono molti e comprendono: le spese di estinzione dell’ipoteca, eventuale penale per estinzione anticipata del vecchio mutuo, i costi di accensione del nuovo mutuo, quindi spese notarili, perizia sull’immobile, assicurazioni sul mutuo, etc

Tuttavia, le condizioni concorrenziali dei mutui offerti oggi da praticamente tutti gli istituti bancari inducono a richiedere un preventivo di mutuo per questa operazione, facilmente percorribile e persino vantaggiosa. 

 

leggi anche

Precedente

Prossimo  

Ciao,
siamo pronti
ad aiutarti!

Non sai da dove iniziare?
Ti guidiamo noi!
Ti serve consulenza personalizzata? Compila il form per essere rincontattato da i nostri esperti!