proroga-bonus-prima-casa

Bonus prima casa under 36: arriva la proroga

Il Bonus Prima Casa under 36 è stato prorogato!

Chi ci segue sa quanto teniamo alle misure che aiutano i giovani ad avvicinarsi al mercato immobiliare, perché sappiamo bene per quanto tempo ne siano stati esclusi.

Ma oggi, e per tutto il prossimo anno, non sarà più così!

Continua a leggere se vuoi conoscere tutti i dettagli della nuova legge. 

 

Proroga Bonus Prima Casa giovani: come funziona

Il Bonus prima casa per i giovani under 36 è stato prorogato: la bozza della Legge di Bilancio 2022 contiene una conferma delle agevolazioni previste dal Decreto Sostegni Bis.

Il Bonus prima casa viene prorogato fino al 31dicembre 2022: pertanto i giovani - under 36 - che acquistano l'immobile dove andranno a vivere potranno usufruire della totale esenzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale per tutto il prossimo anno. 

 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi  SERVIZIO ONLINE GRATUITO CALCOLA LA RATA 

 

Ecco quali sono le riduzioni delle imposte previste dal Bonus sull'acquisto dell'immobile da adibire ad abitazione principale:

  • imposta di registro al 2% (invece che al 9%): si tratta del tributo che viene versato per la registrazione dell’atto di acquisto presso l’Agenzia delle entrate;
  • IVA ridotta al 4%: da applicare sul prezzo di vendita della casa e sulle imposte ipotecarie e catastali, anch'esse agevolate;
  • imposte ipotecarie, catastali e di registro fisse a 200 euro, previste quando l’acquisto della prima casa avviene per successione o donazione;
  • detrazione del credito d’imposta, a patto che la vendita della vecchia casa avvenga entro un anno dall’acquisto della nuova casa.

Tali agevolazioni sono previste anche in caso di donazione o di successione sulla prima casa.

Scopri le migliori offerte di mutuiSi  SERVIZIO ONLINE GRATUITO CALCOLA LA RATA 

 

Restano invariati i requisiti previsti dalla legge per accedere a tali agevolazioni:

Per prima cosa, il richiedente del Bonus non può:

  • essere già titolare o usufruttuario di un immobile ubicato nel comune dove si vuole acquistare un nuovo immobile;
  • aver già usufruito in passato del Bonus prima casa per l'acquisto di un altro immobile.

Il richiedente, inoltre, per usufuire del Bonus prima casa 2020, deve stabilire la propria residenza entro 18 mesi dall’acquisto nel comune dove si trova l’immobile che si intende acquistare.

Le categorie catastali che possono beneficiare del Bonus prima casa 2020 sono:

  • A/2 (abitazioni di tipo civile);
  • A/3 (abitazioni di tipo economico);
  • A/4 (abitazioni di tipo popolare);
  • A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare);
  • A/6 (abitazioni di tipo rurale);
  • A/7 (abitazioni in villini);
  • A/11 (abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi).

 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi CALCOLA LA RATA
servizio online gratuito

L'articolo 37 della bozza del disegno di legge di Bilancio, che dispone la proroga delle misure, dà notizia anche del rifinanziamento del Fondo di Garanzia con ulteriori 242 milioni di euro per il 2022.

Il Decreto Sostegni Bis prevedeva, oltre ai vantaggi fiscali, l’estensione del già esistente Fondo di Garanzia Consap dal 50 per cento all’80 per cento in caso di giovani under 36 con Isee al di sotto dei 40 mila euro.
Le risorse stanziate con il decreto sono state di 290 milioni, sommate ai 137 milioni già in dotazione al Fondo, a cui si aggiungeranno quindi i 242 milioni previsti dalla bozza di legge di Bilancio per rafforzare le misure in essere.

 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi CALCOLA LA RATA
servizio online gratuito

Continua a leggere mutuiSi.it per ricevere sempre news e tips sui mutui.

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti leggere anche: ⇒ Mutuo prima casa giovani: le agevolazioni 2021

Trova il miglior mutuo e risparmia

Calcola rataServizio online gratuito