Trova il miglior mutuo e risparmia

Calcola rataServizio online gratuito

detrazioni fiscali

Le detrazioni fiscali sul mutuo

Nel caso di mutuo destinato all'acquisto della prima casa, il costo del finanziamento può essere ridotto grazie ad alcune agevolazioni fiscali concesse al mutuatario. 

Il mutuatario può usufruire di alcune detrazioni fiscali sul mutuo in sede di dichiarazione dei redditi, purché l'immobile sia adibito ad abitazione principale.

Per abitazione principale si intende quella dove il mutuatario ed i suoi familiari risiedono abitualmente.

Il risparmio fiscale, generato da uno sconto Irpef sul totale dovuto dal contribuente, può essere ottenuto in caso di mutuo acquisto, ma anche di mutuo costruzione o ristrutturazione, purchè riferito alla prima casa. 
L'ammontare della riduzione fiscale cambia a seconda della finalità del mutuo richiesto.

La detrazione spetta al titolare del contratto di mutuo, anche se l'immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).
 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO CALCOLA LA RATA
Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO CALCOLA LA RATA

 

Le detrazioni sugli interessi del mutuo acquisto prima casa

Quando si parla di agevolazioni fiscali sul mutuo solitamente ci si riferisce allo sconto Irpef che si ottiene per l'acquisto dell'abitazione principale.

In questo caso, è detraibile dall'imposta sul reddito un importo pari al 19% dei seguenti oneri:

  • interessi passivi
  • oneri accessori.

Con interessi passivi ci si riferisce alla quota di interessi applicati dalla banca che eroga il mutuo.

Per oneri accessori si intendono tutte quelle le spese aggiuntive che compongoni i reali costi del mutuo: spese notarili, le imposte catastali, di registro e ipotecarie, spese di istruttoria della pratica, la perizia tecnica, eventuali penali in caso di estinzione anticipata del mutuo e così via.
sclusa dalla detrazione fiscale solo l'assicurazione sull'immobile oggetto di mutuo.

Tali oneri devono riferirsi a mutui ipotecari finalizzati all'acquisto di immobili da adibire ad abitazione principale entro dodici mesi dall'acquisto.

La compravendita deve essere avvenuta nell'anno antecedente o successivo alla data di stipulazione del mutuo: farà fede la data di stipulazione del rogito notarile.
 

Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO CALCOLA LA RATA
Scopri le migliori offerte di mutuiSi, servizio on-line GRATUITO CALCOLA LA RATA

 

La riduzione fiscale è dedicata ai soggetti facenti parte della Comunità Europea.

La detrazione fiscale del 19% sugli interessi passivi e sugli oneri accessori del mutuo sono calcolabili fino a un massimo di 4.000 euro, cioè entro una soglia di 780 euro da inserire nella dichiarazione dei redditi.
Qualora l'immobile fosse intestato a due coniugi, ciascuno di essi potrà portare in detrazione la propria quota, suddivisa secondo la percentuale di titolarità.